cambio gomme invernali - 15 aprile 2019

Attenzione alle gomme invernali: vanno cambiate.

Dal 15 aprile c’è il via libera per la sostituzione. Ma occhio alle sanzioni, che in alcuni casi sono veramente molto salate. 

Come ogni anno, il 15 aprile è la data in cui scatta l’obbligo del cambio gomme: per gli automobilisti che hanno optato per una gomma termica invernale, vige l’obbligo della sostituzione. Il cambio gomme è da effettuare entro il 15 maggio: le sanzioni, per la circolazione in strada oltre tale data, variano dai 422€ ai 1.695€. 

E’ importante però precisare che le sanzioni possono essere comminate esclusivamente agli automobilisti che oltre il 15 maggio viaggiano con pneumatici invernali M+D (Mud+Snow), con un codice di velocità inferiore a quello indicato sulla carta di circolazione del veicolo. Di conseguenza, se durante l’inverno sono state montate gomme con codice di velocità inferiore (ad esempio H invece di V), si è obbligati ad installare gomme estive con codice uguale o superiore. Nel caso di inosservanza dell’articolo 78 del Codice della Strada, la legge prevede multe e divieto di circolazione fino alla regolarizzazione del veicolo. 

Se, al contrario, il codice di velocità delle gomme M+S è uguale o superiore a quello previsto dal libretto, non ci sono limiti legali di utilizzo. In tal senso, la circolare del 17 gennaio 2014 del Ministero dei Trasporti, ha specificato che “l’uso degli pneumatici invernali consentiti, e cioè quelli con i parametri riportati sulla carta di circolazione ivi compreso l’indice di velocità, non ha restrizioni di carattere temporale: pertanto essi possono essere usati durante tutti i mesi dell’anno solare”.

E’ quindi legittima la circolazione di un autoveicolo con pneumatici invernali durante la stagione estiva, purché le gomme installate rispettino il codice di velocità prescritto. Tuttavia non è consigliato per diverse ragioni. Innanzitutto, il cambio delle gomme stagionali consente di massimizzare la tenuta dell’auto a seconda delle condizioni atmosferiche e stradali. Per ottenere risultati migliori anche su superfici scivolose o estremamente dure, le gomme vengono realizzate con materiali diversi. Si passa da una gomma estiva, che sfrutta una mescola più dura che possa contrastare il calore dell’asfalto bollente, ad una gomma invernale, realizzata con una mescola morbida, in quanto un clima eccessivamente freddo tende ad irrigidire la superficie. La presenza poi di scanalature più profonde, con tagli lamellari più fitti, agiscono efficacemente sul manto stradale scivoloso o bagnato, evitando il fenomeno di ‘acqua-planing’. 

Lo spessore del battistrada, sia su gomma invernale che estiva, non deve essere inferiore al limite stabilito dalla legge di 1,6 millimetri. Il nuovo cambio stagionale di gomme, da estive ad invernali, è previsto per il 15 novembre 2019.